Damiano agli elettori: “Attenzione a chi con l’imbroglio sta tentando di estorcervi qualche voto in più” – CS n. 17/2018

“Il nostro impegno principale sarà quello di continuare a mantenere sempre aperte le porte del nostro Comune, favorendo un dialogo sereno e costruttivo con tutti i nostri cittadini”. Lo ha ribadito il sindaco uscente, Franco Damiano, nel corso del comizio di ieri sera nel quartiere Pontecani.

Accompagnato dai candidati della lista “Scegliamo Montesarchio”, Damiano ha illustrato il programma per i prossimi cinque anni di governo, ribadendo la ferma volontà di portare avanti progetti di riqualificazione già approvati che garantiranno ai residenti una vita più dignitosa. “A breve – ha detto – completeremo la parte superiore dell’asilo nido comunale per i cui lavori è stato già approvato un progetto da 500mila euro. Abbiamo anche previsto la realizzazione di un’area verde che sarà fruibile da tutta la comunità. Vogliamo che questa zona torni a guardare verso la normalità. E grazie anche all’impegno dei residenti, soprattutto sul rispetto delle nuove norme che regolano il sistema di raccolta differenziata dei rifiuti, ci stiamo riuscendo”.

Poi la replica alle accuse mosse negli ultimi giorni da parte dei candidati del “Movimento Cinque Stelle” che, in un video, denunciano il mancato completamento, in particolare, di tre opere pubbliche: piscina intercomunale di Varoni, centro sportivo “Tre Ponti”, sistema di ascensori nel centro storico (il famoso “buco”).

“Da giorni – puntualizza Damiano – stiamo subendo attacchi fuori luogo che mettono in evidenza un tentativo squallido di fuorviare gli elettori, distorcendo la realtà dei fatti. La denuncia si riferisce ad opere che abbiamo ereditato purtroppo da precedenti amministrazioni. Opere difficili da gestire che abbiamo in qualche modo accantonato per non alleggerire ulteriormente le casse comunali. Abbiamo dovuto fare delle scelte – ha proseguito – e abbiamo preferito sostenere le tante famiglie in difficoltà del nostro comune, fornendo aiuti concreti per servizi essenziali come lo scuolabus e il servizio mensa scolastica. La nostra è una comunità non semplice da amministrare.

Ci vuole capacità e grande senso di responsabilità, soprattutto in una fase storica come la nostra, caratterizzata da una fortissima crisi sociale ed economica. E chi pensa, con l’imbroglio, di riuscire ad estorcere qualche voto in più, è sulla strada sbagliata”.